Quaderno 5

 

Quaderni del Santuario di Canneto. Temi di riflessione mariana, 5 (2009), Arte Stampa Editore, Roccasecca, 160pp. ISSN 1826-1736 - ISBN 978-88-95101-08-8 

Ricorrenze 2008
celebrate in questo numero:

A) Anno Paolino proclamato da Benedetto XVI - B) Biennio di Pastorale Diocesana sul tema: quale famiglia per diventare e vivere da cristiani - C) 15 anni dall’ingresso di p. Luca Brandolini nella Diocesi di Sora-Aquino-Pontecorvo (1993) - D) 40 anni dalla pubblicazione della Humanae Vitae (1968) - E) 50 anni dall’elezione di papa Giovanni XXIII (1958) - F) 60 anni dalla Peregrinatio Mariae voluta da mons. Michele Fontevecchia (1948) - G) 150 anni dalla prima apparizione della Beata Vergine Maria a Lourdes (1858)

 SOMMARiO

Editoriale (pp. 5-6); Vittorio Ricci, Nato da (una) Donna. L’allusione mariana nella Lettera di Paolo ai Galati (pp. 7-32); Bernardo Starnino, La famiglia di Maria: un approccio pedagogico (pp. 33-44); Filippo Carcione, Feste mariane e patronali: oltre le contingenze antropologiche. La sfida di P. Luca Brandolini (pp. 45-68); Antonio Ianniello, Madri responsabili sul modello di Maria: l'Humanae Vitae tra storia e teologia (pp. 69-84); Luigi Gulia, “Familiarità della devozione a Maria” del beato Giovanni XXIII. Florilegio delle fonti intime (pp. 85-106); Dionigi Antonelli, Mons. Michele Fontevecchia e la “peregrinatio” della Madonna di Canneto nel 1948 (pp. 107-126); Angelo Molle, La Lettera Pastorale di mons. Biagio Musto per il Centenario della Prima Apparizione a Loudes (pp. 127-141). Documentazione: Antonio Molle, In memoria di Nino Giannitelli e Annibale Carcione (pp. 145-148); Pasqualino Porretta, Quarto Quaderno del Santuario di Canneto. Presentazione [27 luglio 2008] (pp. 151-160)

 

EDITORIALE

Fedele all’impegno assunto, il Consiglio Redazionale apre il presente numero dei “Quaderni”, inserendosi nel solco della riflessione, che nel corso del 2008, ha accompagnato la Chiesa sia nella sua dimensione universale che nella sua espressione locale. A tal fine, si spiegano i due articoli iniziali, a firma del dott. Vittorio Ricci e del prof. Bernardo Starnino, il primo offrendoci un approfondito saggio d’esegesi biblica in sintonia con lo stimolo dell’Anno Paolino proclamato da Benedetto XVI per il bimillenario della nascita dell’Apostolo da Tarso, il secondo per contribuire al perseguimento dell’obiettivo pastorale focalizzato dalla nostra comunità diocesana per l’ultimo biennio intorno al tema: “Quale famiglia per diventare e vivere da cristiani”.

Sulla medesima onda dialettica si muovono i restanti contributi.

Alla prospettiva universale sono dedicati gli articoli del prof. Luigi Gulia e del prof. Antonio Ianniello, i quali ci richiamano alla grande lezione di magistero e di vita offertaci dai due Papi, fulgidi animatori della nuova stagione ecclesiale all’insegna del Vaticano II, soffermandosi rispettivamente sulla devozione mariana di Giovanni XXIII nel Cinquantenario della sua ascesa alla cattedra di Pietro e sulla “Humanae vitae” di Paolo VI a 40 anni dalla sua pubblicazione.

Alla prospettiva locale, invece, si riferiscono i restanti articoli di mons. Dionigi Antonelli, del prof. Angelo Molle e del prof. Filippo Carcione, che sfruttano alcune ricorrenze per concentrare l’attenzione su alcuni dei vescovi, che hanno guidato la nostra Diocesi tra la prima metà del XX secolo e i nostri giorni. Il primo, con il vigore della parziale testimonianza diretta, rievoca l’episcopato di mons. Michele Fontevecchia (1936-1952), di cui fu segretario particolare negli ultimi anni, concentrandosi sull’evento mariano destinato a restare nell’eredità storica e nella pietà religiosa dei posteri, e particolarmente dei devoti al Santuario di Canneto, come punto nevralgico del patrimonio spirituale: l’indimenticabile “peregrinatio” della Vergine Bruna di 60 anni or sono. Il secondo, prolungando il discorso a mons. Biagio Musto, che del Fontevecchia fu prima coadiutore (1951-1952) e poi successore (1952-1971), ripropone in edizione ragionata la Lettera Pastorale pubblicata da questo vescovo nel 1958 per il Centenario della Prima Apparizione a Lourdes, approfittando così e per dare un rapido sguardo su come la nostra terra visse quell’appuntamento e per onorare contestualmente i correnti 150 anni dalla prodigiosa esperienza toccata a S. Bernadette. Il terzo, immettendoci nei problemi propri del tempo attuale, penetra monograficamente uno dei punti programmatici, che più hanno qualificato il servizio episcopale di P. Luca Brandolini in 15 anni di governo diocesano, ovvero il suo impegno mirante alla fruizione delle feste mariane e patronali fortemente in voga nelle nostre zone come terreno fertile per una nuova evangelizzazione in grado di assicurare, tra purificazione della memoria e proposta seriamente motivata, una nobilitazione teologica e, quindi, esperienziale alle contingenze antropologiche iscritte nelle tradizioni popolari.

A corredo, il Rettore del Santuario, don Antonio Molle, riporta nella Documentazione alcuni atti della manifestazione celebrata presso l’Auditorium S. Giovanna Antida, il 27 luglio 2008, allorché venne presentato, ad opera di don Pasqualino Porretta, il “Quarto Quaderno” con dedica a due ministri appena scomparsi, molto cari al ricordo della Chiesa locale: Nino Giannitelli, diacono permanente di Aquino († 17 luglio); Annibale Carcione, sacerdote missionario in Brasile, oriundo di Piedimonte S. Germano († 20 luglio).